Fiji 🇫🇯

 

 

 

 

 

 

 

 


Questo viaggio è una decisione dell’ultimo minuto. Ho acquistato un pass della Nauru Airlines, un Island Hopper in alcuni paesi remoti del Pacifico, e, alla fine,  c’era una sosta alle Fiji. Sapevo già che marzo / inizio aprile, non sono i periodi migliori per visitare le Fiji, ma mi sono detta che sarebbe stato un peccato transitare qui, senza fermarmi. E quindi ho deciso di trascorrere comunque due settimane nel paese, in varie isole, per vivere esperienze diverse.

L’arcipelago delle Fiji e’ formato da 333 isole, di cui meno di un terzo abitate. Le due principali sono Viti Levu (dove si trovano la capitale Suva e la città di Nadi, dove atterrano aerei internazionali) e Vanua Levi.

Poi ci sono isole minori che si dividono in due gruppi: le isole Mamanuca, 25 isole molto vicine all’aeroporto e quindi decisamente più turistiche, e le isole Yasawa, una ventina, raggiungibili con speed boat. Queste ultime sono le più amate da chi cerca una natura incontaminata, il cosiddetto sogno di paradiso tropicale. Tutte le isole sono di origine vulcanica.

La prima cosa che dovete imparare appena arrivate alle Fiji e’ « Bula », più di un saluto, la parola che vi fa subito sembrare viaggiatori e non turisti. I Fijiani sono un popolo molto accogliente, sempre sorridente e disponibile. Malgrado le isole siano sfruttate dal turismo, ho trovato una grande spontaneità e accoglienza calorosa da parte degli abitanti. 

Il mio primo approccio con le Fiji parte da Nadi, dove atterrano i più importanti voli internazionali.

A pochi chilometri dall’aeroporto internazionale c’è una zona piena di Hotel, dai famosi backpackers che attirano una clientela di giovanissimi surfers e divers, fino ai Resorts 5 stelle, come il Crown Plaza.

Francamente le spiagge di questa zona  non sono un granché. Questa è la spiaggia davanti al Ramada e vicino anche al Crowne Plaza.

 

le cose più  belle del Crown Plaza sono la piscina

E la cucina

 

Questa è la vista dal ristorante del Ramada (in una giornata di pioggia)

 

 

 

Per avere spiagge migliori, bisogna prendere un taxi, ed andare a Natadola Beach, a circa un’ora da Nadi. La spiaggia è lunga e selvaggia.

 


Qui sorge anche l’InterContinental Hotel, dove sarete coccolati da un team radioso e cordiale.


 

 

Ho fatto un tour a Viti Levu, per immergermi nella cultura del paese. Il villaggio di Natalau e’ un esempio di vita locale.

 

 

 

Mary mi accoglie all’entrata del villaggio ed io, come da tradizione, le offro la kava in una bustina.

Apro una parentesi per spiegare di cosa si tratta: la kava è la  bevanda nazionale delle Fiji, qualcuno  dice sia la droga locale. In realtà è una bevanda leggermente narcotica (a me, personalmente non ha dato nessun effetto). Si ottiene da una radice che viene pulita, messa ad essiccare al sole e poi polverizzata.

 

 

Dopodiché viene mischiata ad acqua tiepida e filtrata attraverso uno strofinaccio. Viene servita in una grande ciotola, si deve dire “bula”, battere le mani e…. trangugiare in un unico sorso. Un vero rito per i fijiani che la preparano anche agli ospiti. Per loro è il benvenuto e l’accettazione nella comunità.

 

Mary mi da’ il benvenuto con la benedizione della kava,

 

 

dopodiché mi accompagna a vedere l’asilo, costruito grazie agli aiuti economici di alcuni italiani.

 

 


Poco distante dal villaggio sorge un centro termale. Tifajek Mud Pool and Hotspring e‘ immerso in mezzo ad una bella natura.

 

 

 

 

 

Dopo i fanghi, ci si immerge nella prima piscina naturale, ad alta temperatura. Dopo, si passa nella seconda vasca “rinfrescante”. Un fantastico massaggio rigenerante conclude una mezza giornata eroica.

 

 

A Nadi le soste più interessanti sono il colorato mercato di frutta e verdura e quello artigianale 

 

 

 

Ottimi questi peperoncini 🌶️ piccanti

 

 


Ed un bel tempio indù. Nelle Fiji si trovano tutte le religioni. (Le principali sono Cristiana ed induista).

 

 

A circa 70 km dalla città, sulla Coral Coast, c’è una passeggiata nella foresta, che conduce ad una bellissima cascata, Biasevu Waterfalls, con una piscina naturale

 

 

 

 

 

Anche qui, prima della passeggiata, si può assistere alla tradizionale cerimonia kava.

Peccato per la pioggia a dirotto lungo tutta la Coral Coast: ho visto degli scorci che, sono certa, sarebbero molti belli con il sole. 🌞

 

 

E’ ora di partire alla scoperta delle isole. Io ne ho scelte 4, ed ho preferito i piccoli resort gestiti dalla gente locale, ai resort internazionali. Ho così potuto vivere l’atmosfera gioiosa e rispettosa dell’ambiente di chi è nato in questi luoghi e, con orgoglio, cerca di accogliere il turista come se fosse uno di famiglia. E’ stata una splendida esperienza, ovunque, anche se, purtroppo, all’inizio, come previsto, il tempo non è stato clemente.

La prima isola e’ molto vicina a Viti Levu e raggiungibile con un trasporto organizzato direttamente da Robinson Crusoe Island (o Likuri Island).  L’accoglienza nelle isole e’ calorosa e la canzone di benvenuto,  d’obbligo.

I bungalow sono semplici, costruiti con materiali locali.
Peccato che il tempo non sarà clemente nei giorni del mio soggiorno

 

 



 


Nel pomeriggio si può assistere alla preparazione della cena. Il famoso “lovo “ è il piatto della festa, il barbecue locale, una parte fondamentale dell’arte culinaria figiana. La tecnica tradizionale prevede di scavare una fossa nel terreno,  dove vengono messi carboni ardenti. Pollo, maiale, pesce e verdure saranno avvolte  in grandi foglie di banano per mantenere la loro umidità e poi disposte sui carboni. Il tutto verrà coperto da terra, e lasciato cuocere, lentamente, varie ore.

La carne risulterà tenerissima e profumata: una delizia.

Alla sera si può assistere alla cerimonia della kava. E poi  ad uno spettacolo locale, che inizia con la camminata  sulle pietre ardenti e prosegue con danze tipiche

 

 

 

Da Port Denarau partono i traghetti per molte isole. Su quello per Beachcomber island, in una giornata uggiosa, sono l’unica straniera.

 

Una ragazza mi mostra con orgoglio una foto dell’isola ed ho grandi aspettative.

 


Purtroppo saranno giornate grigie, ma comunque piacevoli, grazie allo snorkelling tra pesci coloratissimi 

 

 

 

 


La South Sea Cruises e’ una compagnia di navigazione molto efficiente, che effettua il trasporto nelle varie isole. Port Denarau e’ il punto di partenza, molto movimentato perché ha collegamenti con tutte le isole.

 


Il traghetto fa più fermate, nei vari resort e nelle isole minori, dove sorgono guesthouse a conduzione famigliare. Il traghetto si ferma in mare, non molto distante dalla costa, e ci sarà un trasbordo su un barchino locale per raggiungere il resort.

Sono stata in  3 isole dove opera la South Sea Cruise, ed il servizio e’ stato impeccabile.

Mi sono innamorata di Barefoot Kuata a prima vista. All’arrivo, le colline sembrano dei polmoni verdi che spuntano in mezzo ad un mare turchese.

 

Ho amato tutto su quest’isola:

I bungalow sono incastonati tra palme e giardini di natura lussureggiante, con splendida vista mare.

 

Tre piccole piscine sono a disposizione di chi non vuole immergersi in mare.

 

 

E poi c’è la spiaggia, selvaggia e naturale, una vera bellezza senza lifting

 

 

 


L’equipe dell’isola propone diverse attività, come per esempio un corso di cucina locale: questa è una preparazione di pesce crudo marinato con lime e cocco: ottimo.

 

Oltre allo snorkelling classico, l’isola ha una particolarità : questo è l’unico posto al mondo dove si può provare un’esperienza speciale, fare un’immersione a 12 metri, con gli squali toro, pur non avendo il brevetto di diver.

E’ stata un’esperienza unica e straordinaria. Adrenalina,  mista al mio amore innato per gli animali. 

 

 

Per chi cerca un’autentica isola fijiana, Barefoot Manta non delude.

L’isola ha spiagge sparse, completamente naturali, e si può godere il tramonto da « sunset beach » e l’alba da « Sunrise beach », attraversando una bella foresta.

 

 


L’equipe del dive center è formata da giovani dinamici, felici di accompagnarmi attraverso un meraviglioso snorkelling intorno a gran parte dell’isola, lungo una splendida e vivace barriera corallina.

Purtroppo è ora di lasciare le Fiji, tra   spiagge di sabbia bianca, mare smeraldo, fondali straordinariamente ricchi di fauna coloratissima : francamente uno dei paesi di mare che ho più amato. Anche perché nelle Fiji ci sono molte isole «  a carattere famigliare », gestite da gente locale. Per me sono loro, gli abitanti, sempre sorridenti, accoglienti e professionali, una delle cose più belle del paese. L’accoglienza calorosa e la sensazione di essere parte della famiglia, ti avvolge e ti fa innamorare di questo angolo di mondo.

Gli abitanti delle Fiji sono tra i “most friendly” del mondo. Per questo vi saluto con una carrellata di foto di persone incontrate nel mio straordinario viaggio.

Vanaka! Grazie! Ci rivedremo presto




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 risposte

    1. Grazie, cara Laura, le Fiji mi hanno sorpresa perché ci sono ancora molte isole “a misura d’uomo” dove vieni accolta come in famiglia, lungi dai resort senza anima.e le persone sono fantastiche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Viaggi
Lauretta Trinchero

Timor Leste 🇹🇱

Oggi vi porto in un paese giovane, poco conosciuto dai turisti, un luogo che cerca di dimenticare un passato di avvenimenti complessi e tumultuosi. Nell’arcipelago

Leggi Tutto »